Comune di Sciacca aderisce a progetto “Pedagogia dell’Emergenza Covid-19”

Il Comune di Sciacca ha aderito al progetto “Pedagogia dell’emergenza Covid-19” proposto dall’Apei Sicilia, l’Associazione Pedagogisti ed Educatori Italiani. Il progetto offre un sostegno pedagogico gratuito alle famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus.

Ne danno comunicazione il sindaco Francesca Valenti e l’assessore alle Politiche Sociali Gisella Mondino.

Si tratta di un’iniziativa alla quale hanno aderito oltre 300 professionisti che operano in ambito educativo, formativo e pedagogico, nelle varie fasi della vita in una prospettiva di crescita personale e sociale.

La chiusura delle scuole e la sospensione delle attività lavorative – evidenzia l’Apei Sicilia – hanno determinato uno stravolgimento della vita delle famiglie, modificando ritmi, abitudini, sconvolgendo gli equilibri, stravolgendo il mondo dei bambini e degli adolescenti, ridisegnando le attività dei genitori e con conseguenze anche per gli insegnanti. Occorre che i professionisti dell’educazione, in collaborazione con gli insegnanti e con le varie agenzie del territorio, adesso più che mai, svolgano il loro ruolo di sentinelle attente ai bisogni educativi di tutti, e di micce capaci di innescare le risorse pedagogiche di ciascuno e generare trasformazione, in questo caso anche restituendo “normalità” alle relazioni educative”.

Si può contattare l’Apei – come invita il manifesto del progetto – per una consulenza pedagogica ed educativa; racconti e letture di fiabe e racconti per bambini, attività di gioco e animazione educativa per bambini; supporto scolastico per fasce di età; attività educative per gli anziani; conduzione di gruppi di narrazione Apei.

Per ulteriori informazioni:

www.portaleapei.net

presidenza@apei.it

Emergenza Covid-19, avviso alle società e alle associazioni sportive

Un avviso rivolto al mondo dello sport locale è stato diramato oggi dall’Amministrazione comunale di Sciacca. Società e associazioni sono invitate a aderire alle iniziative che intende promuovere facendo pervenire un’adesione entro venerdì prossimo 24 aprile.  

Ecco il contenuto dell’avviso:

Lo tsunami coronavirus rischia di travolgere lo sport in modo irreparabile.

La nostra realtà sportiva è costituita da decine di ASD che hanno ad oggetto la pratica di numerose discipline sportive e svolgono un ruolo insostituibile ai fini educativi, del benessere, dell’inclusione sociale.

Si tratta di enti che non hanno fine di lucro e sopravvivono grazie alla passione, all’impegno, al sacrificio.

A causa dell’emergenza Covid-19 la pratica sportiva è stata sospesa completamente e, in una recente Tabella di riepilogo delle classi di rischio e aggregazione sociale, le attività sportive rientrano nel livello più alto di classe di aggregazione sociale. Peraltro, molte discipline sportive non sono affatto compatibili con le regole del distanziamento sociale che – pare – permarranno ancora per un tempo indeterminato.

Le Associazioni, inoltre, continuano a sostenere costi di gestione fissi: canoni di locazione degli impianti, rate di mutui contratti per l’acquisto di attrezzature, costi per le utenze elettriche e idriche, assicurazioni, ecc…

Le misure varate finora non sono sufficienti ed è indubbio che servano risorse e prospettive nuove.

La Regione Siciliana prevede “Iniziative in favore dello sport” che si rivolgono a “società sportive siciliane professionistiche, semiprofessionistiche e dilettantistiche, regolarmente iscritte ai campionati di serie A e serie B, indetti dalle competenti federazioni sportive”.

Poca cosa. Rimangono fuori tutte le associazioni affiliate agli enti di promozione sportiva e tutte le associazioni che non hanno atleti o squadre che militano in serie A ed in serie B.

È necessario ben altro.

È necessario che siano previste l’erogazione di mutui, eventualmente garantiti dalle Federazioni di appartenenza, e l’attivazione di misure che garantiscano l’accesso al credito a tasso zero; è necessario consentire la rinegoziazione di eventuali mutui in corso, mediante nuovi piani di ammortamento a più lunga durata; è necessario consentire la rinegoziazione dei canoni di locazione; è necessario sostenere l’accesso alla pratica sportiva; è necessario sostenere i Comuni al fine di riconoscere agevolazioni fiscali mediante meccanismi di compensazione e riequilibrio.

Non si può consentire che lo sport muoia.

L’Amministrazione comunale si farà portavoce dei timori e delle richieste di aiuto dello sport locale in tutte le sedi istituzionalmente competenti.

L’Amministrazione comunale sarà a fianco delle associazioni sportive dilettantistiche per promuovere la revisione dei canoni di locazione e la rinegoziazione dei mutui nonché per individuare meccanismi agevolativi.

Per garantire un confronto costruttivo e costruire la necessaria sinergia, verrà costituito un tavolo con i rappresentanti delle ASD/SSD, che siano riconosciute dall’ordinamento sportivo e che abbiano sede nel Comune di Sciacca.

A tal fine, si invitano le ASD/SSD a manifestare la propria adesione alle iniziative di collaborazione che questa Amministrazione comunale intende porre in essere inviando, entro venerdì 24 aprile 2020, una mail al seguente indirizzo: ufficiogabinetto@comunedisciacca.it

Pesca, Sindaci siciliani chiedono tavolo tecnico a Presidente Regione

I Sindaci siciliani chiedono al Presidente della Regione la convocazione di un tavolo tecnico – alla presenza di Capitaneria di Porto e Associazioni di Categoria – per discutere dei problemi della pesca costiera e cercare soluzioni normative e tecniche per fronteggiare la crisi del settore, gravemente acuita dall’emergenza coronavirus.

Il Sindaco di Sciacca, Francesca Valenti, unitamente ad altri 16 primi cittadini delle Marinerie dell’Isola, invoca risposte immediate alla drammatica situazione del comparto, anche in deroga alla stringente disciplina comunitaria, per contenere e sostenere l’aumento dei costi di gestione dell’attività e la pesante riduzione della domanda, causata dallo stop a turismo e ristorazione.

LEGGI LETTERA