Emergenza Covid-19, divieto di stazionamento e assembramento allo Stazzone e Via Gaie di Garaffe

Divieto di stazionamento e di assembramento nei fine settimana (venerdì, sabato e domenica) di novembre allo Stazzone e in Via Gaie di Garaffe. Lo ha disposto il sindaco Francesca Valenti, con propria ordinanza, come misura di contenimento e contrasto della diffusione in città del virus Covid-19.

Il divieto parte da oggi e sarà in vigore fino al prossimo 29 novembre, con possibilità di reiterazione e di modificazione in ragione dell’evolversi della situazione epidemiologica.

Il provvedimento segue la riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica convocato dal Prefetto di Agrigento l’11 novembre e applica una norma del decreto del presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre contenente nuove misure per fronteggiare l’emergenza in corso in tutt’Italia tra cui la chiusura di strade e piazze dove si possono creare situazioni che mettono in pericolo la salute pubblica.

I divieti di assembramento e di stazionamento riguardano nel dettaglio:

Località Stazzone: area compresa tra le vie e le piazze Via Lido Esperanto (già Via Stazzone), Lungomare Mulino Cuore, Piazzale Ferdinando II;

Via Gaie di Garaffe, tratto compreso tra il molo di ponente (Ufficio Circondariale Marittimo) e il Vicolo Spiaggia.

È, comunque, “fatta salva la possibilità di solo attraversamento e di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e tutte le altre attività consentite dal Dpcm, nonché alle abitazioni private, avendo cura in ogni caso di rispettare il distanziamento interpersonale di almeno un metro e l’utilizzo di dispositivi di sicurezza personali”. SI ricorda che nelle attività consentite dal Dpcm vanno rigorosamente osservate le prescrizioni contenute nei relativi protocolli di sicurezza.

Per i trasgressori è prevista una sanzione che va da 400 a 1.000 euro.

ORDINANZA