Registro degli enti accreditati per l’assistenza all’autonomia e alla comunicazione degli alunni disabili

 

Gli enti del terzo settore possono presentare istanza al Comune di Sciacca per l’iscrizione al “Registro per l’espletamento dei servizi di Assistenza all’autonomia e alla Comunicazione degli alunni disabili della scuola primaria e secondaria di primo grado”.

L’obiettivo che l’Amministrazione intende conseguire  con l’avvio dei servizi – spiega l’assessore all’Istruzione alle Politiche Sociali Gisella Mondino – è quello di garantire il diritto allo studio e l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità fisica o psichica attraverso la presenza di operatori con competenze specifiche.

Un avviso pubblico è stato diramato dal dirigente del Terzo Settore del Comune di Sciacca Venerando Rapisardi.

Nell’avviso vengono illustrati, nel dettaglio, modalità e requisiti di partecipazione, il servizio da svolgere e con quali specializzazioni.

Il registro – è spiegato – è istituito presso il Comune di Sciacca per la gestione dei servizi specialistici volti all’inclusione scolastica degli studenti con disabilità con il sistema dell’accreditamento degli organismi ed Enti no profit. Saranno direttamente gli utenti a scegliere l’ente del privato sociale, accreditato mediante l’iscrizione nel registro comunale, da cui farsi assistere negli istituti scolastici.

Il registro avrà validità biennale, dal 10 settembre 2021 al 30 giugno 2023.

Gli enti interessati devono far pervenire istanza entro le ore 13 del 15 luglio 2021 tramite PEC, raccomandata o consegna all’Ufficio Protocollo del Comune di Sciacca.

LINK AVVISO

Giornata delle malattie invisibili, si illumina di viola Porta Palermo

Il Comune di Sciacca aderisce a una nuova campagna di sensibilizzazione illuminando un proprio monumento. Nella Giornata mondiale delle malattie invisibili, IBD, patologie croniche infiammatorie intestinali, questa sera un faro di colore viola illuminerà Porta Palermo.

È quanto comunicano il sindaco Francesca Valenti e gli assessori alle Politiche Sociali Gisella Mondino e alla Salute Antonino Venezia nell’accogliere la richiesta di una ragazza “considerata disabile perché affetta da morbo di Crohn, artrite reumatoide e fibromialgia”. Una luce “per dare un segnale ai cittadini del territorio più sensibili, immunodepressi o cronici, per farli sentire meno soli” perché con una malattia non immediatamente visibile agli occhi degli altri si viene considerati meno malati.

Un’iniziativa, quella di illuminare un monumento della città di viola, per sensibilizzare la popolazione sulla gravità e la portata di certe patologie “invisibili”, come la malattia di Crohn e la colite ulcerosa, e spingere la ricerca scientifica a mettere a punto cure sempre più efficaci.

Il colore viola viene rappresentato come simbolo di unione, aggregazione e forza.